Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

martedì 16 novembre 2010

Bollettino medico 2

E da questa mattina papà prende anche il Tavor, ha affanno e piccole crisi di panico (chi non le avrebbe nella sua situazione), non riesce a mangiare e bere nulla, perchè appena cerca di mandare giu' qualcosa, automaticamente ritorna su e lo sputa...ha fame e sete, ieri dalla disperazione abbiamo chiesto che venga nutrito con delle flebo, perchè fino ad ora gli hanno solo dato glucosio e sali minerali...ora io mi chiedo, ma dobbiamo essere noi a chidere le cose? i medici? sono arrabbiata perchè mi sembra che tutti sottovalutano la situazione, per l'oncologa ormai è arrivato, il mio medico si affida ai medici dell'asl per la terapia del dolore, ma a mio padre chi ci pensa? è ancora il mio papà a tutti gli effetti anche se giorno per giorno lo vedo deperire...ha perso 5 KG. la scorsa settimana...sta perdendo le forze..
Ci guarda con quegli occhioni velati di lacrime, sta cedendo, è stanco di tutta questa situazione, ripete spesso "guarda cosa devo passare per morire", fa male tanto male sentirglielo dire, mamma è costantemente con papà...ha una grande pazienza perchè ora papà diventa anche "cattivo" mi spiace dirlo, ma se la prende con lei per tutto...e non è giusto...non so fino a quando mamma sopporterà tutto questo...
E poi c'è questo tempo, che ti deprime ancora di piu'...

20 commenti:

  1. uff... mi si stringe il cuore ... mi dispiace immensamente per questa situazione ... ti mando un abbraccio grande grande e ti penso sempre con tutto l'affetto possibile.

    RispondiElimina
  2. ciao cara,non sai come ti capisco...si, cercate le flebo,le infermiere dell'asl dovrebbero riuscire a procurarsele in fretta...poi essendo assistito a casa è un diritto...
    un abbraccio forte!ciao

    RispondiElimina
  3. ...mi viene da piangere a leggere queste cose...ti abbraccio

    RispondiElimina
  4. ..mi si stringe il cuore anche a me..ti sono vicina.. tanto tanto..

    RispondiElimina
  5. Posso solo lasciarti un abbraccio

    RispondiElimina
  6. è così...si è arrabbiati con la vita e ci si sfoga con chi ci ama di più...è una situazione difficile per lui ma ancora di più per chi gli è vicino...ci vuole forza...tanta forza...ma non c'è soluzione...solo l'amore...una carezza lieve ed un sorriso

    RispondiElimina
  7. ho le lacrime e mi sento una stupida...mi chiedo perchè i italia dobbiamo essere prima una patologia e poi delle persone. Ti abbraccio. Vorrei poterlo fare di persona.

    RispondiElimina
  8. Ti leggo da un pò, anche se non serve a molto, ti sono vicina...ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  9. tua mamma sopporterà tutto stai tranquilla...no fartene carico anche di questo. Semmai parla con lei , anche se lo saprà. I medici fanno il loro lavoro ma non sempre si ha il tempo da dedicare a tutti, e per questo (brutto da dire) ti invito a parlare con loro e a chiedere apertamente COSA PUOI FARE PER ALLEVIARE QUESTE COSE, COSA PUOI FARE TU. io spero sempre nell'aumanità e voglio credere che ti consiglino le cose migliori. Un bacio cucciola, forza.

    RispondiElimina
  10. cerca di distrarre tuo padre con qualsiasi cosa, cmq di farlo ridere e tenergli su il morale...soprattutto non fargli pesare troppo quello che sta succedendo..nel senso che oltre alle infermiere als avevam contattato un infermiere di cui mio padre si fidava, passava alla sera e lo aiutava a mettersi a letto e lavarsi e mio padre stava più sereno...

    RispondiElimina
  11. Mi spiace... sarei arrabbiata anch'io se un paziente malato fosse considerato solo l'ennesimo caso clinico, e non una persona speciale con tutti i suoi affetti. Le cure prima di tutto e fate bene voi a chiedere + assistenza, perchè queste persone a volte riescono ad essere un marmo freddo come se a loro non toccasse la cosa, ma se hanno deciso di intraprendere quella professione, devono anche comportarsi adeguatamente sia verso il paziente in primis che verso i parenti vicini... non tutti sono uguali! Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  12. riusciamo a vederci di persona?

    RispondiElimina
  13. Non so cosa dirti, ho le lacrime, sono angosciata...tua mamma è come la mia... ti sono tanto vicina anche se a parole fatico ad esprimerlo...

    RispondiElimina
  14. Un abbraccio a te e alla tua mamma e una carezza per il tuo papà....

    RispondiElimina
  15. Vorrei solo darti un po' di forza, ma nn posso fare molto. Sono addolorata. Ti abbraccio. Tati.

    RispondiElimina
  16. Anche Roberto non riusciva più a mandare giù niente....so cosa stai passando....e mi dispiace tantissimo.....ti abbraccio forte...Robbi

    RispondiElimina
  17. Ma quanto siete belle? vorrei abbracciarvi tutte e dirvi quanto mi state aiutando, chi con i messaggi sul blog, chi su fb chi sul cellulare...siete stupende...un bacio a tutte!

    RispondiElimina
  18. Mi viene da piangere a leggere le tue parole e immagino quanta sofferenza per tutti.
    Cerca di informarti tu con i medici, se loro non arrivano a tutto, per cercare di alleviare un pò di sofferenze al tuo papà.
    Ti sono vicina, fatti forza .
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. In questi casi mi chiedo come si possa credere che esiste un Dio... ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  20. Devi avere forza, tanta e ancora tanta!
    Ci sono passata una decina di anni fa e con lui non c'era la mamma ma la seconda moglie che era un emerita stronza!
    I medici?????
    gli infermieri???????
    Alcune volte mi domandavo se erano idioti o se ero io che mi sbagliavo.......sono propensa a pensare alla prima!
    Ci sono voluti due mesi, due mesi terribili, sembra che nella malattia emerga il lato peggiore di loro.......pregavo perchè l'agonia non fosse troppo lunga, non lo fosse per lui e per noi!
    Forza, devi avere forza, dippiù......se mpre dippiù!
    Un bacio!

    RispondiElimina